Archivio Categoria: News

Circolare n. 10/2024

Contribuzione 2024 artigiani e commercianti

Con la circolare INPS del 7 febbraio 2024, n. 33, sono state fornite le istruzioni per il calcolo e il versamento dei contributi dovuti dagli artigiani e dai commercianti per il 2024.

1 . Contribuzione artigiani e commercianti

Con la circolare n. 33 pubblicata il 7 febbraio 2024, l’INPS ha fornito le istruzioni per il calcolo e il versamento dei contributi dovuti per quest’anno dagli iscritti alle Gestioni speciali artigiani ed commercianti, indicando con l’occasione le aliquote e gli importi reddituali (massimale e minimale di reddito) da utilizzare.

 

Per approfondimenti sulle novità in materia fiscale e agevolativa si invitano i clienti a leggere la circolare dello studio.

Circolare n. 9/2024

Nuovo blocco alle compensazioni orizzontali in presenza di debiti per imposte erariali, scaduti e superiori a 100.000 euro

La legge n. 213/2023 (legge di bilancio 2024) interviene con nuove disposizioni in materia di utilizzo di crediti per imposte erariali in presenza di ruoli scaduti.

Dal 1° luglio 2024, per i contribuenti con iscrizioni a ruolo per imposte erariali per un importo superiore a 100.000 euro, è esclusa la facoltà di avvalersi della compensazione.

Il divieto cessa di applicarsi a seguito della completa rimozione delle violazioni contestate.

 

Dato che la norma non è chiara, non escludiamo che possa essere interpretata in modo diverso dall’Agenzia delle Entrate Riscossione nei prossimi mesi, ma è necessario per il momento verificare la presenza di ruoli scaduti al fine di evitare indebiti utilizzi.

1 . Compensazione preclusa con ruoli sopra 100.00 euro

Con la legge di bilancio 2024 è stato previsto un divieto di compensazione nel modello F24 in presenza di ruoli scaduti relativi ad imposte erariali e relativi accessori o accertamenti esecutivi, per importi complessivamente superiori a 100.000 euro.

Il divieto opera se non ci sono provvedimenti di sospensione e perdura sino alla completa rimozione della violazione.

Di conseguenza, il divieto sembra permanere anche se il contribuente ha in essere un piano di dilazione delle somme iscritte a ruolo.

 

Per approfondimenti sulle novità in materia fiscale e agevolativa si invitano i clienti a leggere la circolare dello studio.

Circolare n. 8/2024

Adempimenti tributari – Novità del DLgs. 8.1.2024 n. 1

Con il DLgs. 8.1.2024 n. 1 pubblicato sulla G.U. 12.1.2024 n. 9, sono state previste numerose disposizioni in materia di razionalizzazione e semplificazione degli adempimenti tributari (c.d. DLgs. “Adempimenti”).

Il DLgs. 8.1.2024 n. 1 è entrato in vigore il 13.1.2024 (giorno successivo alla sua pubblicazione sulla G.U.), ma per numerose disposizioni sono previste specifiche decorrenze.

 

1 . Anticipazione dei termini di presentazione delle dichiarazioni fiscali

L’art. 11 del DLgs. 1/2024 prevede l’anticipazione:

  • al 30 settembre (rispetto al 30 novembre), a decorrere dal 2024, del termine finale di presentazione telematica delle dichiarazioni dei redditi e IRAP; per i soggetti IRES, il termine viene stabilito all’ultimo giorno del nono mese successivo a quello di chiusura del periodo d’imposta (rispetto al precedente termine dell’ultimo giorno dell’undicesimo mese successivo alla chiusura del periodo d’imposta);
  • al 1° aprile, a decorrere dal 2025, del termine iniziale di presentazione delle dichiarazioni dei redditi, della dichiarazione IRAP e del modello 770.

 

Per approfondimenti sulle novità in materia fiscale e agevolativa si invitano i clienti a leggere la circolare dello studio.

Circolare n. 7/2024

Tariffe ACI per l’anno 2024

Con comunicato pubblicato in G.U. n. 298 del 22.12.2023 sono state rese note le Tabelle nazionali dei costi chilometrici di esercizio di autovetture e motocicli elaborate dall’ACI per l’anno 2024 (art 3 comma 1 del decreto legislativo 2 settembre 1997 n 314).

1 . Tariffe ACI per l’anno 2024

L’Agenzia delle Entrate ha pubblicato il consueto aggiornamento annuale delle tabelle del costo chilometrico di esercizio delle autovetture e dei motocicli, con i valori validi dall’ 1 gennaio al 31 dicembre 2024.

 

Per approfondimenti sulle novità in materia fiscale e agevolativa si invitano i clienti a leggere la circolare dello studio.

Circolare n. 6/2024

Super deduzione” per nuove assunzioni nel 2024 – Novità del DLgs. 30.12.2023 n. 216

L’art. 4 del DLgs. 30.12.2023 n. 216 ha introdotto, per il solo periodo d’imposta successivo a quello in corso al 31.12.2023, una maggiorazione, ai fini della determinazione del reddito, del costo incrementale del lavoro per le nuove assunzioni a tempo indeterminato.

Si tratta, quindi, di una “super deduzione” per le nuove assunzioni, riconosciuta in presenza di determinate condizioni.

L’agevolazione:

  • dà attuazione all’art. 6 co. 1 lett. b) della L. 9.8.2023 n. 111 (legge delega per la riforma fiscale);
  • è prevista in attesa della completa attuazione della c.d. “mini IRES” e della revisione delle agevolazioni a favore degli operatori economici.

1 . Soggetti beneficiari

Possono beneficiare della “super deduzione”:

  • i titolari di reddito d’impresa (soggetti di cui all’art. 73 del TUIR, imprese individuali, comprese le imprese familiari e le aziende coniugali, società di persone ed equiparate ai sensi dell’art. 5 del TUIR);
  • gli esercenti arti e professioni, che svolgono attività di lavoro autonomo ai sensi dell’art. 54 del TUIR.

 

Per approfondimenti sulle novità in materia fiscale e agevolativa si invitano i clienti a leggere la circolare dello studio.

Circolare n. 5/2024

Novità in materia di IRPEF e IRES – DLgs. 30.12.2023 n. 216 

Con il DLgs. 30.12.2023 n. 216 pubblicato sulla G.U. 30.12.2023 n. 303, attuativo della legge delega per la riforma fiscale di cui alla L. 9.8.2023 n. 111, è stato attuato il primo modulo di riforma delle imposte sul reddito.

Di seguito vengono analizzate le novità apportate in materia di IRPEF e di relative addizionali regionali e comunali, applicabili per il solo periodo d’imposta 2024, nonché in materia di ACE (aiuto alla crescita economica), la quale è stata abrogata a decorrere dal periodo d’imposta 2024.

La “super deduzione” per le nuove assunzioni effettuate nel 2024, prevista dall’art. 4 del DLgs. 216/2023, sarà invece analizzata nella successiva circolare.

1 . Riforma dell’IRPEF per il 2024

Gli artt. 1 e 2 del DLgs. 216/2023 hanno apportato alcune modifiche in materia di aliquote, scaglioni e detrazioni IRPEF, che sono applicabili per il solo periodo d’imposta 2024.

 

Per approfondimenti sulle novità in materia fiscale e agevolativa si invitano i clienti a leggere la circolare dello studio.

Circolare n. 4/2024

Legge di bilancio 2024 (L. 30.12.2023 n. 213) – Principali novità

Sul S.O. n. 40 alla G.U. 30.12.2023 n. 303 è stata pubblicata la L. 30.12.2023 n. 213 (legge di bilancio 2024), in vigore dall’1.1.2024.

Di seguito, le principali novità in materia fiscale:

  • Regolarizzazione del magazzino;
  • Rideterminazione del costo fiscale dei terreni e delle partecipazioni;
  • Cessioni di fabbricati con interventi superbonus – plusvalenza;
  • Imponibilità della costituzione dei diritti reali immobiliari;
  • Locazioni brevi – aumento dell’aliquota al 26% – modifica normativa per gli intermediari non residenti;

1 . Principali novità in materia fiscale e agevolativa

Argomento

 

 

 

Regolarizza­zione del ma­gazzino

Descrizione

A determinate condizioni, viene consentito di regolarizzare le rimanenze di magazzino adeguandole alla situazione di giacenza effettiva. È prevista la facoltà:

  • sia di eliminare esistenze iniziali di quantità o valori superiori a quelli effettivi;
  • sia di iscrivere esistenze iniziali in precedenza omesse.

 

Per approfondimenti sulle novità in materia fiscale e agevolativa si invitano i clienti a leggere la circolare dello studio.

Circolare n. 3/2024

Dichiarazione IVA per l’anno 2023

L’Agenzia delle Entrate ha pubblicato in data 15 gennaio 2024 i provvedimenti di approvazione dei modelli e delle istruzioni concernenti le dichiarazioni relative all’anno 2023 ai fini IVA, da presentare nel periodo compreso tra il 1° febbraio e il 30 aprile 2024.

Si illustreranno le indicazioni principali per l’adempimento oltre alle regole in tema di esonero della garanzia per la richiesta di rimborso dell’imposta a credito e alle regole in tema di utilizzo in compensazione dello stesso credito.

1 . Dichiarazione IVA per l’anno 2023

La dichiarazione annuale IVA relativa all’anno d’imposta 2023 va presentata, esclusivamente in via telematica direttamente o tramite un intermediario abilitato, in forma autonoma, nel periodo compreso tra il 1° febbraio e il 30 aprile 2024. Occorre, invece, inviare il modello entro il mese di febbraio (29 febbraio 2024) qualora si intenda avvalersi della facoltà di comunicare con la dichiarazione annuale IVA (quadro VP) i dati contabili riepilogativi delle liquidazioni periodiche relative al quarto trimestre 2023.

 

Per approfondimenti sulle novità in materia fiscale e agevolativa si invitano i clienti a leggere la circolare dello studio.

Circolare n. 2/2024

Soglie per l’applicazione della contabilità semplificata

Le imprese (diverse dalle società di capitali) che, nel 2023, hanno applicato la contabilità semplificata, devono monitorare i ricavi che hanno conseguito nel periodo d’imposta 2023, al fine di verificare la possibilità di applicare, anche nel 2024, la contabilità semplificata, oppure la contabilità ordinaria per avvenuto superamento dei limiti.

Lo stesso controllo lo devono fare le imprese che, nel 2023, hanno applicato la contabilità ordinaria, ma avrebbero intenzione (avendone i requisiti) di adottare la contabilità semplificata nel 2024.

 

1 . Sottotitolo

A norma dell’articolo 18, D.P.R. 600/1973, sono ammessi alla contabilità semplificata, a partire dall’anno successivo:

  • le persone fisiche che esercitano imprese commerciali, ai sensi dell’articolo 55 Tuir;
  • le imprese familiari e aziende coniugali;
  • le società di persone commerciali (società in nome collettivo e società in accomandita semplice);
  • le società di armamento e le società di fatto;
  • gli enti non commerciali, con riferimento all’eventuale attività commerciale esercitata.

 

Per approfondimenti sulle novità in materia fiscale e agevolativa si invitano i clienti a leggere la circolare dello studio.

Circolare n. 1/2024

Regime forfetario: requisiti di accesso, permanenza e cessazione

Con la circolare del 5 dicembre 2023 n. 32, l’Agenzia delle Entrate fornisce chiarimenti sulle nuove condizioni di accesso, permanenza e cessazione dal regime forfetario, a seguito delle modifiche apportate dalla Legge di bilancio 2023.

 

1 . Regime Forfetario

Le modifiche apportate dalla Legge di bilancio 2023 concernono le condizioni di accesso, permanenza e cessazione dal regime in argomento. La Manovra 2023 ha previsto:

  • l’innalzamento da 65.000 euro a 85.000 euro della soglia massima di ricavi conseguiti o di compensi percepiti nell’anno precedente;
  • tra le cause di cessazione del regime la fuoriuscita dal regime già a decorrere dall’anno stesso in cui viene superata la soglia di 100.000 euro di ricavi o compensi percepiti.

 

Per approfondimenti sulle novità in materia fiscale e agevolativa si invitano i clienti a leggere la circolare dello studio.